Menu
Roberto

Roberto

MAGO CRIS

Prestigiatore,illusionista,trasformista.
Cattura lo spettatore accompagnandolo in un mondo insolito di atmosfere surreali. Oltre 20 anni di esperienza.
Partecipazioni a Rai 3 e Canale 5 "ITG"

<\center>

IVAN CATTANEO

Biografia
Infanzia e adolescenza
Ivano Cattaneo nasce a Bergamo il 18 marzo 1953, in una famiglia di umili origini. A 12 anni, nel 1965, Ivan si recò a Bologna, per un provino per lo Zecchino d'Oro, dove cantò la canzone Lui di Rita Pavone.[2] All'età di 13 anni confessa alla madre di essere gay, viene così visitato da uno psicologo e successivamente spostato in una clinica psichiatrica, dove passerà il tempo a dormire sotto sedativi. Dopo aver capito che nessuno poteva aiutarlo, decide di fingere di essere "guarito" e dall'uscita dalla clinica non affronterà più il discorso con nessuno.[3] Sino all'età di 18 anni vive a Pianico, caratteristico paesino in provincia di Bergamo situato accanto al lago d'Iseo. A quindici anni partecipa al Festival degli sconosciuti di Ariccia. Mentre frequenta il liceo artistico impara a suonare la chitarra, studia musica e incomincia a suonare in alcuni gruppi locali di Blues, tutti appassionati di Frank Zappa e John Mayall.

Gli anni settanta e i primi successi
Viene esonerato dal servizio militare per la sua "stravaganza"[4][5]. Conosce Nanni Ricordi, che lo farà entrare nell'etichetta indipendente Ultima Spiaggia, per la quale incide nel 1975 il suo primo album: UOAEI. Nel 1976 è al Festival del proletariato giovanile di Parco Lambro a Milano al fianco di Mario Mieli per rivendicare i diritti degli omosessuali.

Nel 1977 incide Primo secondo e frutta (Ivan compreso), album ironico e a tratti demenziale, che contiene il suo primo successo: Maria Batman. Cattaneo inventa la teoria del TATTOUDITOVISTAOLFATTOGUSTO (T.U.V.O.G), scrivendo un libro con questo titolo allegato all'LP. Al disco partecipa anche l'esordiente arrangiatore Roberto Colombo.

Inventa il personaggio punk di una giovanissima Anna Oxa al Festival di Sanremo del 1978[6] che ne decreta l'immediato successo, ed è padrino e collaboratore dei primi gruppi punk-rock della scena italica del periodo (Revolver, Elektroshock), nonché, nei primi anni ottanta, del lancio di cantanti come Down Mitchell, Patrizia Di Malta del Gruppo Italiano e Diana Est. Nel 1979 incide Superivan, in collaborazione con Colombo e con la Premiata Forneria Marconi.

L'alba degli anni ottanta e l'era di Polisex
Nel 1980 Ivan conclude il rapporto con la casa discografica Ultima Spiaggia, ponendo dunque fine al periodo delle etichette alternative, e incide per l'etichetta CGD l'album Urlo. A regalargli il primo grande successo è il singolo Polisex, destinato a diventare il suo brano più popolare di sempre. Polisex diventa presto una sorta di inno dei cosiddetti alternativi nella Milano degli anni ottanta, molto trasmesso da tutte le radio e ben accolto anche dalla critica.

Gli anni del revival
Nel 1981 Cattaneo realizza quello che definirà un lavoro di "archeologia moderna", riprendendo e riarrangiando alcuni fra i più grandi successi italiani e internazionali degli anni sessanta. Da questo progetto archeologico nasce così l'album 2060 Italian Graffiati, che contiene celebri canzoni come Nessuno mi può giudicare e Una zebra a pois. Il disco, lanciato nella trasmissione tv Mister Fantasy, della quale Ivan è ospite fisso, ha un successo inaspettato e vende ben 475 000 copie.[7]

Parallelamente all'attività di revival, continua la sua carriera di cantautore incidendo canzoni proprie su Ivan il terribile del 1982. Cattaneo ritorna sui suoi passi e, dopo aver creato a Rimini con Caterina Caselli e Red Ronnie la discoteca "Bandiera Gialla", nel 1983 incide un nuovo album di cover, Bandiera gialla appunto. Il nuovo album di revival dell'artista bergamasco contiene pezzi rivisitati come Bang Bang, Io ho in mente te, Ho difeso il mio amore e La bambolina che fa no no.

Il temporaneo ritiro
Nonostante il successo ottenuto con i due album di revival, Ivan sente di non poter esprimere la sua arte e di essere diventato solo un interprete di vecchi successi; l'artista infatti si rende conto di essersi troppo allontanato dalla sua idea originaria di cantautore. Decide dunque di rompere con la casa discografica e, amareggiato e deluso dal mondo della discografia e della televisione, si ritira dalla carriera musicale. Come ultimo vincolo impostogli dalla CGD, Cattaneo pubblica nel 1986 un ultimo album di revival dal titolo Vietato ai minori.

Dal 1987 diventa vegetariano[8]. A seguito del suo ritiro dal panorama musicale, Cattaneo si dedica alla pittura, presentando nel 1989 la mostra 100 Gioconde Haiku, che sarà esposta in tutta Italia, anche in varie discoteche della penisola.

Ritorno sulla scena musicale e progetti paralleli
Sei anni dopo Vietato ai minori, finalmente nel 1992 pubblica un nuovo album di inediti: Il cuore è nudo...e i pesci cantano, album che già anticipa la corrente del Drum & Bass, legato alle tematiche New Age, che parla del rapporto fra l'artista e il maestro indiano Osho.

Nel 1994 si mette al lavoro per dar vita ad un ambizioso progetto artistico comprendente musica, danza, poesia e arte dal titolo ZOOcietà DUEOOO, presentato solo in anteprima nel febbraio del 2001 ma che concretamente non ha ancora visto la luce. Nella seconda metà degli anni novanta Cattaneo alternerà la sua attività di cantante e musicista a quella di pittore e artista multimediale.

Nel 1996 pubblica il singolo dance Love is love con lo pseudonimo di Cut Ivan. Nel 1999 partecipa come attore protagonista al film d'avanguardia italo-polacco KK Kairos & Kronos - Il tempo delle emozioni diretto da Dario Maria Gulli, con Johnson Righeira e Alessandra Di Sanzo; si tratta di un cult-movie dedicato ai cantanti che hanno ottenuto un forte successo negli anni ottanta. Il film viene presentato al BresciaMusicArt il 2 giugno 2000 e arriva fra i finalisti del contest americano New York Film Festival.

Il nuovo secolo e i progetti televisivi
Nel 2002 inaugura una nuova mostra d'arte: Se dico...seduco? nella quale gli effetti visuali dei quadri si miscelano ad effetti digitali. Nello stesso anno partecipa al musical Joseph e la strabiliante tunica dei sogni nella versione italiana, in cui interpreta il faraone rock alla Elvis Presley. Conduce anche un programma di intrattenimento radiofonico su Radio Kiss Kiss. Nel 2003, in occasione del rilancio dell'amica Giuni Russo tramite il Festival di Sanremo, Ivan realizza per lei i videoclip relativi ai due singoli estratti dall'album: Morirò d'amore e Una rosa è una rosa.

Nel 2004 partecipa al reality show Music Farm, sostituendo Scialpi. L'anno dopo sarà conduttore del day-time, nonché opinionista della seconda edizione, e successivamente della terza. Nel 2007 accetta l'invito a far parte, a metà percorso, del reality L'isola dei famosi, con una fugace partecipazione.

Luna presente: il ritorno discografico
Dopo ben tredici anni di silenzio discografico, il 21 ottobre 2005 l'artista bergamasco pubblica il suo nuovo album Luna presente, con dodici brani interamente composti da lui, di cui due classici rivisitati (Polisex e Crudele), prodotto da Roberto Cacciapaglia e Roy Tarrant. Il disco è dedicato alla luna e ai suoi dodici "mari metafisici". Grazie a questo album Ivan si rimpadronisce della sua identità di cantautore e con l'occasione festeggia i suoi trent'anni di carriera artistica.

2010-2014: attività Live, cover, musical e canzone d'autore
Il 13 marzo 2010 Ivan Cattaneo è stato ospite con la sua band all'interno della rassegna LiveMe in piazza Duomo a Milano, come special guest dell'evento assieme ad Alberto Camerini. L'evento, condotto da Red Ronnie e promosso dal comune di Milano, ha ospitato varie band e solisti emergenti, offrendo una promozione della nuova musica italiana.[9]

Nell'aprile 2010 l'artista, su etichetta indipendente Azzurra Music, ha pubblicato un nuovo album dedicato ai più celebri brani degli anni ottanta, col titolo 80 e basta!. L'album contiene cover di alcuni brani molto noti, quali: Figli delle stelle di Alan Sorrenti, Ci stiamo sbagliando di Luca Carboni, Kobra di Donatella Rettore, Tomorrow di Amanda Lear, Tenax di Diana Est, I maschi di Gianna Nannini e Amore disperato di Nada. A completare l'opera non mancano le sue celebri cover Una zebra a pois di Mina, Un ragazzo di strada de I Corvi e Il geghegè di Rita Pavone, nonché il suo successo Polisex.

Contemporaneamente l'artista è impegnato nella stesura finale di un libro in cui ha raccolto proprie massime e aforismi e in un nuovo progetto multimediale che ancora una volta riunisce vari linguaggi artistici come la pittura, la musica, i video e la poesia. A novembre 2010 è entrato nel cast del musical Jesus Christ Superstar nel suo quarantennale, nei panni di un insolito e trasgressivo Erode.

Come autore ha firmato il brano Abbaio alla luna, inciso da Al Bano nel nuovo cd Amanda è libera pubblicato dalla Azzurra Music in occasione della partecipazione del noto interprete pugliese al Festival di Sanremo 2011. Nel 2011 la Warner Music Italia dedica a Ivan un cofanetto di 5 cd contenente i cinque album che Ivan aveva inciso per la CGD (Urlo, Duemila60 Italian Graffiati, Ivan il terribile, Bandiera gialla, Vietato ai minori) nella fortunata serie di pubblicazioni discografiche Original Album Series.

A fine agosto dello stesso anno, la Sony Music gli dedica il digipack A qualcuno piace Ivan! contenente la ristampa in cd dei suoi primi tre album incisi per l'Ultima Spiaggia e i singoli incisi per la stessa, fra il 1976 e il 1978.

Nel 2014 partecipa come attore al film Sexy Shop di Maria Erica Pacileo e Fernando Maraghini.

Il 16 maggio 2014 ritira a Genova presso il FIM, la Fiera Internazionale della Musica, il FIM Award Premio Italia alla Carriera assegnato da CAPAM, Commissione Artistica per la Promozione dell'Arte e della Musica e consegnato da Verdiano Vera, patron della manifestazione.[10][11] In occasione della consegna del premio, Ivan si esibisce sul palco con la sua band.

Nel settembre 2015 la neonata etichetta Soter pubblica un doppio album tributo a lui dedicato: Un tipo atipico#tributoivancattaneo, nel quale ventinove artisti, fra affermati ed emergenti, rivisitano il suo repertorio d'autore. Il progetto è ideato e prodotto da Salvatore De Falco, attento conoscitore dell'arte di Cattaneo e collaboratore delle testate Raropiù e Musical News. L'album contiene un'inedita performance di Ivan, chitarra e voce, Cera una volta che introduce i colleghi alle prese con le canzoni del suo primo decennio di attività: Garbo, Naïf Hérin, Roulette Cinese, Dario Faini, Montefiori Cocktail, Giovanni Block, Pennelli di Vermeer, Diana Tejera, Ottodix, Hueco, Susanna Parigi, Vidra + Masi, Stefano Pais, Andrea Zuppini, Banda Osiris, H.E.R., Egokid, Roby Rossini, Luca Urbani e Alberto Stylòo, Ensonika, Alessandro Orlando Graziano, Allerija, Gianni Leone, Gerardo Konte & The Nine Tears, Steetycats, Porfirio Rubirosa, Helena Velena, Elektroshock, Claudio Milano. Il progetto, molto apprezzato da critica e pubblico, viene pubblicato in occasione del quarantennale di carriera di Cattaneo e parte del ricavato delle vendite viene destinata ai progetti di Amnesty International di cui ricorre il quarantennale di attività in Italia. Ottiene inoltre la targa Amnesty al MEI di Faenza nell'ottobre 2015, ritirata dallo stesso Ivan che si esibisce con band in un mini-live e la targa 'Premio Bruno Lauzi Canzone d'Autore' 2016 ad Anacapri.

2018-2019: Grande Fratello Vip, il singolo "Iceberg" e il nuovo album
Il 24 settembre 2018 partecipa alla terza edizione del reality show Grande Fratello VIP e rimane in gara sino al 19 novembre quando, dopo essere andato in nomination con Lory del Santo, viene eliminato. Sempre in questo periodo esce il suo nuovo singolo Iceberg, dopo ben otto anni di silenzio discografico, e un duetto col cantautore Alessandro Orlando Graziano nel brano Nuova era inserito nell'album Voyages Extraordinaires. All'inizio del 2019 uscirà il suo nuovo album di inediti Eiaculazione da Tiffany.[12] Scrive per Patty Pravo il brano La carezza che mi manca incluso nel suo album Red, brano scartato al Festival di Sanremo 2019.

Programmi tv
Music Farm (Rai 2, 2004-2005) concorrente, inviato
L'isola dei famosi (Rai 2, 2007) concorrente
Grande Fratello VIP (Canale 5, 2018) concorrente
CR4 - La Repubblica delle Donne (Rete 4, 2019) ospite
Pittura
Niente fonti!
Questa voce o sezione sugli argomenti cantanti italiani e pittori italiani non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti.
Commento: fonti insufficienti, si menziona solo un critico che ne parla, è davvero così rilevante la sua attività come pittore?
Puoi migliorare questa voce aggiungendo citazioni da fonti attendibili secondo le linee guida sull'uso delle fonti. Segui i suggerimenti del progetto di riferimento.
Come pittore per le sue opere propone anche immagini elaborate al computer e trasferite su tela, alle quali poi aggiunge materiale pittorico e polimaterico. Il critico d'arte e giornalista Fortunato Orazio Signorello nell'ottobre del 2004 lo inserisce, per la prima volta, nell'Annuario d'arte moderna. Artisti contemporanei; pubblicazione annuale, edita dalla casa editrice romana Acca in... Arte Editrice.

Per Signorello l'originalità compositiva di Cattaneo "rappresenta, in linea con le sue scelte provocatorie, il suo modo spiazzante di dar vita, in uno straordinario gioco di sovrapposizioni e simbiotici accostamenti ipercromatici, a un tipo di arte nuova e pluripercettiva scaturita da una maggior crescita interiore...". Per Fortunato Orazio Signorello - che dal 2004 fa parte, dopo esserlo stato nel 1999 della Biennale internazionale dell'arte contemporanea di Firenze, del comitato scientifico dell'International Contemporary Art of Andalusia (Malaga) e della Biennal Exhibition of Visual Art (New York) - la produzione recente dell'artista "evidenzia, oltre a una continua intenzione di sovvertimento di canoni più o meno prestabiliti, la passione di Cattaneo, anticipatore della comunicazione multimediale, per le scritte caustiche e pungenti; che sono, accoppiate ai suoi soggetti, una sorta di denuncia sulla condizione e sulle contraddizioni dell'uomo contemporaneo...".[13]

Discografia
Album
1975 - UOAEI (Ultima Spiaggia, ZLUS 55182)
1977 - Primo secondo e frutta (Ivan compreso) (Ultima Spiaggia, ZPLS 34010)
1979 - SuperIvan (Ultima Spiaggia, ZPLS 34069)
1980 - Urlo (CGD, 20230)
1981 - Duemila60 Italian Graffiati (CGD, 20254)
1982 - Ivan il terribile (CGD, 20316)
1983 - Bandiera gialla (CGD, 20350)
1986 - Vietato ai minori (CGD, 20511)
1992 - Il cuore è nudo...e i pesci cantano (Top Records / Emi)
2005 - Luna presente (Recording Arts / Ducale)
2010 - 80 e basta! (Azzurra Music)
2019 - Eiaculazione da Tiffany (Soter)
Singoli
1975 - Darling / Pomodori da Marte (Ultima Spiaggia / RCA, ZUS 50569)
1976 - L'elefante è capovolto? / Farfalle (Ultima Spiaggia / RCA, ZUS 50574)
1977 - La segretaria ha colpito ancora / Maria-Batman (Ultima Spiaggia, distribuzione RCA Italiana, ZBS 7028)
1978 - Tabù / Agitare prima dell'uso! (Ultima Spiaggia / RCA, ZBS 7088)
1979 - Boys & boys / Su (Ultima Spiaggia / RCA, ZBS 7131)
1980 - Pupa / Polisex (CGD, CGD 10290)
1984 - Quando tramonta il sol (Melody version) / Quando tramonta il sol (Dance remix) (CGD, CGD 10564)
1985 - Dancin Number / To be in love with you (con i Dadavox) (CGD, CGD 10617)
1986 - Neolatina Dancemix / La ragazza di Ipanema / Neolatina Disco Mix (CGD, CGD 15253)
1996 - Love is love (sotto il nome di Cut Ivan) (Trendy Factory Records/ Zac Music)
2005 - L'aria - mare della serenità (Recording Arts/ Ducale) (singolo promozionale)
2010 - Tenax (Azzurra Music) - Singolo digitale promozionale
2018 - Iceberg (Soter) - Singolo digitale

SABRINA SALERNO

Biografia
Esordio
Dai cinque ai quattordici anni visse a Sanremo con i nonni. Tornata a Genova, durante gli studi al Liceo Linguistico "Cesare Pavese" partecipò a un concorso di bellezza vincendo il titolo di Miss Lido, che negli anni aveva avuto tra le sue vincitrici anche Sophia Loren. In seguito vinse il titolo di Miss Liguria. Esordì in televisione nel 1984 nel programma W le donne condotto da Amanda Lear e Andrea Giordana, continuando l'anno successivo, affiancando Johnny Dorelli nel popolare show del sabato sera Premiatissima sulla neonata Canale 5.

Ha esordito come cantante nel 1986 con il singolo Sexy Girl, prodotto da Claudio Cecchetto, che ebbe successo in Italia, Germania, Australia e in altri paesi europei, venendo scelta come sigla del Festivalbar 1986. Nel frattempo partecipò come cantante e showgirl ad altri due varietà di Canale 5: Grand Hotel (1986) e SandraRaimondo Show (1987) con Sandra Mondaini e Raimondo Vianello.

Gli anni ottanta: il successo internazionale
Nel 1987 pubblicò l'album d'esordio Sabrina che oltre al primo singolo Sexy Girl conteneva nuovi brani e cover che riscossero successo internazionale, prima su tutte Boys (Summertime Love), che conquistò la terza posizione della classifica britannica, trovandosi in classifica preceduta da Michael Jackson e Madonna. Questo singolo ottenne particolare successo in tutta Europa, piazzandosi ai primi posti delle classifiche di paesi come Svizzera, Francia, Spagna, Germania, Norvegia, Australia e Italia. Il videoclip realizzato per la promozione del singolo, pur nella sua semplicità, contribuì non poco al successo del brano. Sabrina, nel videoclip, usciva da una piscina bevendo un cocktail con indosso un bikini bianco reso trasparente dall'acqua. Dall'album d'esordio furono estratti anche i singoli Hot Girl e la cover della nota canzone di Patti LaBelle Lady Marmalade. Lady Marmalade entrò nella classifica francese e scandinava, mentre Hot Girl ha ottenuto successo in tutta Europa, con buone posizioni anche in Svizzera e Germania. Queste canzoni in stile Italo disco, accompagnate da maliziosi videoclip che esaltavano la fisicità dell'interprete, famosa per il suo seno abbondante, la consacrarono come uno dei sex symbol degli anni ottanta. Tra il 1986 e il 1987 affrontò i primi ruoli di attrice, con le pellicole Grandi magazzini e Le foto di Gioia, insieme al telefilm Professione vacanze.

Sabrina Salerno sul set del film Fratelli d'Italia assieme a Jerry Calà, 1989
Nel 1988 uscì il secondo album, Super Sabrina che ottenne un ottimo riscontro commerciale a livello europeo entrando in diverse classifiche. L'album conteneva diversi singoli di successo come All of Me (Boy Oh Boy), realizzata da Stock, Aitken & Waterman (produttori della dance inglese dell'epoca, anche di Kylie Minogue, Donna Summer, Rick Astley e Samantha Fox), My Chico e Funky Girl. Con My Chico al Festivalbar 1988 venne premiata come Migliore Cantante Europea dell'anno. Infatti,anche con questo singolo (prodotto da Moratto), ottiene un grande successo in diversi paesi europei, e in Italia arriva alla prima posizione della classifica dei singoli più venduti. Sempre nello stesso anno uscì un altro brano di successo, Like a Yo-Yo, prodotto da Giorgio Moroder. Quest'ultimo singolo scala le classifiche europee e in particolare si piazza al primo posto in Finlandia, inoltre fu scelto in Italia come sigla di chiusura dello show televisivo di Canale 5 Odiens, che vide la cantante nel cast al fianco di Lorella Cuccarini, Ezio Greggio e Gianfranco D'Angelo. In Scandinavia uscì una raccolta di brani remixati dal titolo Something Special, che raggiunse la ventunesima posizione della classifica svedese. Successivamente uscì in tutta Europa il singolo Sex. In questo periodo esplode un vero e proprio fenomeno, in Spagna vengono creati i Chewingum con le sue immagini, delle bambole con le sue sembianze e addirittura viene messo in commercio un videogame chiamato Sabrina Spectrum, creato da Andres Manuel Garcia, Alfonso Gustavo Chico e Miguel Angel Borreguero.

Nel 1989 incise un altro singolo di successo, Gringo (decima posizione in Italia), e fu protagonista di un concerto all'Olimpisky Stadium di Mosca, diviso in tre giorni, seguito da oltre 50 000 persone. Questo concerto fu reso disponibile in VHS con il titolo Sabrina Live In Moscow. Sempre in quell'anno uscì al cinema il film Fratelli d'Italia, con Jerry Calà e si esibì in Svizzera al Montreux Pop Festival. Solo in Spagna uscì un album raccolta intitolato Single Hits, che mischiava i brani del primo e del secondo album.

Gli anni novanta: Sanremo 1991, televisione e teatro
Nel marzo 1990 incise il singolo Yeah Yeah e pubblicò in Europa e Sud America il suo terzo album di inediti, Over the Pop partecipando per la quinta volta al Festivalbar 1990. Sempre nello stesso anno uscì Super Remix che conteneva i suoi più importanti singoli in versione remix. L'anno successivo, nel 1991, per la prima volta incise una canzone in lingua italiana, Siamo donne, insieme a Jo Squillo, con cui le due cantanti parteciparono al Festival Di Sanremo di quell'anno. Il brano entrò in classifica in Italia e venne inserito nella riedizione dell'album Over the Pop, dal quale nel corso del 1991 furono pubblicati il singolo Shadows of the Night e il singolo promozionale Dirty Boy Look.

Sabrina Salerno e Jo Squillo cantano Siamo donne al Festival di Sanremo 1991
Con questo album, per la prima volta, la cantante si cimentò anche nella scrittura e nella produzione di alcuni brani. Nel 1992 è uscito in Francia il singolo Cover Model. In questo periodo emerse da parte dell'artista la volontà di cambiare direzione artistica e staccarsi dall'immagine aggressiva e sexy che l'aveva lanciata, entrando così in contrasto con il suo management, che continuava a proporla come seducente interprete di brani scanzonati e maliziosi. Tra dicembre 1991 e gennaio 1992 è nel cast del programma di Canale 5 Bellezze sulla neve, dove animava la parte musicale cantando, tra le altre, la sigla di chiusura Love Dream[2].

Tra febbraio e aprile 1992 fu ospite fissa dell'equivalente spagnolo Bellezas En La Nieve, trasmesso da Telecinco. Nel 1994, anno in cui avvenne la separazione artistica da Gianpiero Menzione, manager che l'aveva scoperta e lanciata, incise altri due singoli dance, Rockawillie e Angel Boy che entrarono in classifica in diversi paesi europei. Nel 1995 venne pubblicato il primo album in lingua italiana, Maschio dove sei, prodotto da lei stessa e distribuito dall'etichetta NAR International, che la vide collaborare con Massimo Riva e Vasco Rossi. Il cd venne ristampato nel 1997 con un altro titolo, Numeri, contenente tuttavia la stessa lista tracce. I singoli estratti furono Fatta E Rifatta, Maschio Dove Sei e Numeri.

Nel 1995 esordì a teatro diretta da Alessandro Capone con la commedia I cavalieri della tavola rotonda, dove interpretava, accanto a Tosca D'Aquino, Gianfranco D'Angelo e Daniele Luttazzi, il ruolo della Fata Morgana. Nel 1996 uscì un album di remix dal titolo Remix 1996 che conteneva i singoli del primo album remixati, distribuito dalla RTI Music, e tornò in televisione affiancando Jocelyn nel game-show Il grande gioco del mercante in fiera, in onda su TMC. L'anno dopo tornò in teatro con la commedia Uomini sull'orlo di una crisi di nervi, sempre diretta da Alessandro Capone. Nell'estate del 1998 condusse insieme a Carlo Conti lo show di Rai 1 Cocco Di Mamma, mentre nell'autunno successivo riprese invece la tournée teatrale.

Il 1999 segnò il ritorno della cantante alla musica, con la pubblicazione in Italia e in Spagna dell'album A Flower's Broken, che non ottenne il successo sperato. Il singolo scelto per la promozione fu il brano I Love You. Nell'autunno del 1999 uscì il film degli 883 Jolly Blu, che la vedeva fra i protagonisti, e contemporaneamente, prese parte alla sit-com Tutti gli uomini sono uguali in onda su Italia 1, con Maurizio Crozza.

Anni duemila: il ritorno alla musica
Dal 2001 al 2003 Sabrina è stata una dei protagonisti del musical Emozioni, diretto da Sergio Japino, con Ambra Angiolini e Vladimir Luxuria. Il musical ha ottenuto un grande successo, portando alla cantante critiche positive. Nell'autunno del 2002 ha preso parte al programma di Italia 1 Matricole & Meteore nel ruolo di inviata.[3]

Sabrina Salerno in concerto a Venezia, estate 2009
Nel 2005 ha partecipato come concorrente a Hit Me Baby One More Time, talent show musicale del canale televisivo inglese ITV. Nello stesso anno ha recitato nel film indipendente del regista Cristiano Cerriello Colori, che le ha fatto vincere il premio della critica al Festival del cinema di Salerno. Nel 2006 ha pubblicato, esclusivamente sul suo sito ufficiale, un singolo dance-house intitolato I Feel Love (Good Sensation), e ha recitato in Film D., sempre diretta da Cerriello. Nel 2007 inizia un sodalizio col network radiofonico francese RFM, entrando a far parte del gruppo di cantanti protagonisti della tounée RFM Party 80, che fa tappa in numerosi palazzetti e stadi francesi. Anche nel 2008 Sabrina prende parte al tour RFM Party 80, a cui alterna diverse apparizioni televisive a concerti in diverse località europee.

Il ritorno ufficiale di Sabrina alla discografia è avvenuto il 3 ottobre 2008, data di pubblicazione dell'album Erase/Rewind Official Remix, sotto etichetta Edel, diviso in due dischi: il primo contenente tredici suoi celebri brani ricantati e reincisi in nuove versioni, il secondo tredici brani pop-rock registrati da Sabrina negli anni Novanta ma rimasti inediti. Dall'album è stato inoltre estratto come singolo il brano Erase/Rewind cover dell'omonimo brano dei The Cardigans, che ha ottenuto un tiepido successo di vendite, venendo comunque trasmesso nei maggiori network musicali televisivi. Il 17 maggio 2008, come tappa del tour RFM Party 80, sì è esibita allo Stade De France di Parigi davanti a un pubblico di 48.000 persone. Il 24 agosto ha partecipato al SOPOT Festival in Polonia, e in un solo giorno, la sua esibizione su YouTube, registra oltre 150.000 visualizzazioni. Nell'agosto dello stesso anno ha affiancato per una settimana Alberto Davoli nella conduzione del programma radiofonico Estate 101, su R101.[4] Il 16 febbraio 2009 entra a sorpresa nella casa del Grande Fratello per cantare assieme ai concorrenti Siamo donne, prova canora della settimana.[5]

Anni duemiladieci: il successo in Francia con Stars 80

Sabrina Salerno in concerto a Mosca, ottobre 2010.
Il 15 luglio 2010 ha pubblicato in coppia con la cantante inglese Samantha Fox il singolo Call Me, cover del famoso brano del 1980 del gruppo new wave Blondie. Il singolo è stato accompagnato da un EP di dieci tracce e da un video musicale diretto da Mauro Lovisetto,[6] e ha raggiunto la quarta posizione della classifica dance dei dischi più venduti.[7] Sempre nell'estate del 2010, Sabrina ritorna in televisione come conduttrice del programma Mitici '80, trasmesso in prima serata su Italia 1 per quattro puntate. Il 5 agosto 2011 viene pubblicato Boys & Girls, singolo di Steve Forest coi Club Dogo e Fatman Scoop che contiene un campionamento di Boys (Summertime Love), e nel cui video compare Sabrina stessa.[8]

Da febbraio a maggio 2012, oltre ai concerti in vari paesi europei, torna a prendere parte in Francia al tour RFM Party 80, che ha toccato i principali palazzetti francesi. Durante le tappe del tour, Sabrina si esibisce anche in una cover di Ouragan, brano del 1986 di Stéphanie di Monaco, che successivamente verrà rilasciato in formato digitale senza promozione da singolo nell'estate del 2015. Il 24 ottobre 2012 esce in Francia e in Belgio il film Stars 80, in cui Sabrina recita nel ruolo di se stessa a fianco ad altri cantanti degli anni ottanta; la pellicola è diretta da Frédéric Forestier e Thomas Langmann, già premio Oscar per il film The Artist, e riscuote un grande successo.

In seguito al successo del film Stars 80, da febbraio 2013 Sabrina e gli altri cantanti del film iniziano un tour nei palazzetti e stadi francesi, che terminerà nel luglio 2014. Nello stesso periodo collabora col duo inglese Neon Neon nella canzone Shopping (I Like To), inclusa nel loro album Praxis Makes Perfect, pubblicato il 28 aprile 2013[9]. Dal 28 marzo al 25 aprile 2014 Sabrina prende parte a La pista, talent show trasmesso da Rai 1 in prima serata e condotto da Flavio Insinna, nel ruolo di coach e caposquadra del gruppo di ballo LECCEzione[10]. Il 24 giugno dello stesso anno è stato pubblicato Colour Me, nuovo singolo di Sabrina prodotto da Rick Nowels, di cui lei stessa è autrice e coproduttrice.[11] Lo stesso giorno è stato pubblicato anche il videoclip del brano sull'account Vevo di Sabrina.[12]

A partire dal 23 ottobre 2014 Sabrina riparte con il tour francese Stars 80, l'Origine[13]. Il tour, inizialmente previsto fino a dicembre, viene prolungato nel 2015 con una nuova serie di concerti da febbraio a giugno e da ottobre a dicembre, e il 9 maggio fa tappa con un concerto evento allo Stade de France di Parigi, trasmesso in diretta dal canale televisivo nazionale TF1[14]. Da novembre 2016 fino a dicembre 2017 Sabrina prende parte ad una nuova lunga edizione del tour francese, rinominato Stars 80, 10 ans déjà!; la tappa del 2 dicembre 2017 presso la U-Arena di Nanterre viene trasmessa in diretta come concerto evento dal network televisivo France 2[15]. Il 6 dicembre inoltre è nelle sale francesi il film Stars 80, la suite, seguito del film del 2012 diretto da Thomas Langmann, in cui Sabrina è nuovamente fra gli interpreti. Il 30 novembre pubblica il singolo Voices, prodotto da Mauro Ferrucci e Tommy Vee[16].

Vita privata
Alla fine degli anni '80 era fidanzata con l'attore Pierre Cosso[17].

Nel 1994 si fidanza con Enrico Monti. Nel 2004 ha dato alla luce il suo primogenito Luca Maria, avuto dal compagno, diventato suo marito nel 2006.

Discografia
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Sabrina Salerno.
Partecipazioni a festival musicali
Partecipazioni al Festival di Sanremo
Edizione
Brani (autori - compositori)
Interprete
Categoria
Piazzamento
Festival di Sanremo 1991 Siamo donne
(Giovanna Coletti)
Sabrina Salerno e Jo Squillo
Campioni
13º
Partecipazioni al Festivalbar
Festivalbar 1986 - Sexy Girl
Festivalbar 1987 - Boys (Summertime Love)
Festivalbar 1988 - My Chico - All Of Me (Boy Oh Boy) - Funky Girl
Festivalbar 1989 - Gringo - Doctor's Orders - Sex
Festivalbar 1990 - Yeah Yeah
Festivalbar 1991 - Siamo donne - With a Boy Like You - Promises in the Dark
Partecipazioni ad Azzurro
1987 - Boys (Summertime Love)
1989 - Pirate of Love - Like a Yo-Yo - Gringo
Tournée
2007 - RFM Party 80
2008 - RFM Party 80
2012 - Best of RFM Party 80
2013-2014 - Stars 80
2014-2015 - Stars 80, l'Origine
2016-2017 - Stars 80, 10 ans déjà!
2017-2018 - Stars 80 - Triomphe
Programmi televisivi
W le donne (Canale 5, 1984)
Premiatissima (Canale 5, 1985)
Grand Hotel (Canale 5, 1986)
SandraRaimondo Show (Canale 5, 1987)
Odiens (Canale 5, 1988-1989)
Raffaella Venerdì, Sabato e Domenica... E saranno famosi (Rai 2, 1990)
Bellezze sulla neve (Canale 5, 1991-1992)
Bellazas En La Nieve (Telecinco, 1992)
Il grande gioco del mercante in fiera (Telemontecarlo, 1996)
Cocco di mamma (Rai 1, 1998)
Matricole & Meteore (Italia 1, 2002) Inviata
Mitici '80 (Italia 1, 2010)
La pista (Rai 1, 2014) Coach caposquadra
Filmografia
Cinema
Grandi magazzini, regia di Castellano e Pipolo (1986)
Le foto di Gioia, regia di Lamberto Bava (1987)
Fratelli d'Italia, regia di Neri Parenti (1989)
Uomini sull'orlo di una crisi di nervi, regia di Alessandro Capone (1995)
Jolly Blu, regia di Stefano Salvati (1998)
Colori, regia di Cristiano Ceriello (2004)
Film D, regia di Cristiano Ceriello (2006)
Stars 80 regia di Frédéric Forestier e Thomas Langmann (2012)
Stars 80, la suite regia di Thomas Langmann (2017)
Modalità aereo regia di Fausto Brizzi (2019)
Televisione
Ferragosto OK, regia di Sergio Martino - miniserie TV (1986)
Professione vacanze, regia di Vittorio De Sisti - serie TV, 1 episodio (1987)
Tutti in palestra, regia di Vittorio De Sisti - miniserie TV (1989)
Tutti gli uomini sono uguali, regia di Alessandro Capone e Fausto Brizzi - serie TV (1997)
Taglia & Cuci, regia di Michele Foresta - sitcom, 1 episodio (2009)
Teatro
I Cavalieri della Tavola Rotonda, regia di Alessandro Capone (1995-1996)
Uomini sull'orlo di una crisi di nervi, regia di Alessandro Capone (1997-1998)
Emozioni, regia di Sergio Japino (2001-2003)

SASHA TORRISI canta BATTISTI

Nasce a Parma il 10/12/1973, a 6 anni avviene il primo modesto contatto con la parte più classica della musica (il pianoforte),ma,ben presto si svilupperà in lui una spiccata passione per il rock che,attraverso collaborazioni come chitarrista e backvocalist di giovani emergenti,lo farà affermare nel circuito musicale parmense.
Nel '93 conosce i Timoria stringendo subito un buon rapporto sia con Francesco Renga che con Omar Pedrini capisaldi e front man di quel momento.Nel '97 viene chiamato a far parte dei Timoria (full time) . Si perché proprio nel 1997, Omar Pedrini autore e compositore della maggior parte dei brani , durante un loro concerto, annuncia l'imminente separazione del gruppo dal cantante Francesco Renga.Sasha alla volta del '98 nei primi mesi dell'anno i nuovi Timoria iniziano a provare e a scrivere nuovo materiale per la rinnovata band nello studio dell'artista Marco Lodola a Pavia .A settembre si chiudono alcuni mesi in studio e nel gennaio del 1999 esce il primo singolo "Deserto" che apre la strada al primo album di Sasha ed il settimo della band, dal titolo "1999"; il testo dell'ultima traccia "L'Amore è un Drago Dormiente", porta la firma, tra l'altro, dello srittore Aldo Busi.Saranno più di 100 i concerti realizzati in circa 9 mesi.Dopo un periodo di promozione, partono subito per un lungo tour......, poi l'Heineken Jammin' Festival dove suonano tra gli altri con Stereophonics, Alanis Morissette e Vasco Rossi davanti ad un pubblico di oltre 200.000 persone .Nel 2000 Esce un Aldo qualunque....poi dal vivo .. gruppo spalla e di apertura alla band irlandese U2 allo stadio "Delle Alpi" di Torino. Quello stesso anno ottengono il disco d'oro per aver raggiunto e superato le 50.000 copie vendute e parecchi premi di qualità e critic l'attore comico Fabio de Luigi.Il 2002 viene inaugurato con l'invito al Festival di Sanremo,...... La band approda al festival con il brano "Casa mia.Nel 2003 la band si scioglie,;le moltissime richieste lo impegnano per quasi 3 anni.Alla fine del 2007 si ritorna in studio per rimettere in moto le chitarra e voce ,così dopo un periodo di prove e registrazioni, esce, il 7 maggio 2008, il primo lavoro da solista. "UN NUOVO ME"

Ti potrebbe interessare...

  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next
laura Barriales

laura Barriales

Inizia la carriera come modella e poi si fa conoscere diventando protagonista di diversi spot pubblicitari, in particolar modo di lingerie. Nel 2006 fece il suo debutto in televisione (con le...

Read more
Le Majorettes

Le Majorettes

Gruppo composto da un minimo di 8 ad un massimo di 18 Ragazze, con diversi costumi e adatte a Parate per le Piazze, Inaugurazioni e Spettacoli Itineranti. 

Read more
Matilde Brandi

Matilde Brandi

Dopo essersi diplomata nel 1990 al balletto di Roma, nella stagione 1990/1991 esordisce come ballerina nella trasmissione Club '92 con Gigi Proietti. L'anno successivo, tra il 1991/1992, acquista molta popolarità...

Read more
Marameo nel Paese delle Meraviglie

Marameo nel Paese delle Meraviglie

MARAMEO NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE Il mondo del circo mescolato a tutte le forme di ARTE DI STRADA, con l' animazione itinerante di GIOCOLIERI – TRAMPOLIERI – SCULTORI DI PALLONCINI –...

Read more
Pamela Camassa

Pamela Camassa

Pamela Camassa è nata a Prato ed è diplomata in ragioneria all'ITC Dagomari, è una tifosa della Fiorentina. Nel 2000 ha inoltre lavorato nel film Via del corso di Adolfo...

Read more
Marameo Bros Noleggio Gonfiabili

Marameo Bros Noleggio Gonfiabili

ul.gkBullet1 li, ul.gkBullet2 li, ul.gkBullet3 li, ul.gkBullet4 li, #k2Container .itemFullText ul li, #k2Container .itemIntroText ul li { padding: 0px } Noleggiamo i Giochi Gonfiabili di tutte le dimensioni possibili, adatte ad ogni tipo...

Read more